Archivio

Archivio per settembre 2007

Aggiornamenti Birmania

29 settembre 2007 Nessun commento

Potete trovare foto dalla Birmania, rilasciate nel breve lasso di tempo in cui erano stati ripristinati i collegamenti internet (solo su siti interni birmani, ma siccome i militari non brillano di intelligenza, non hanno bloccato le email, cosi’ la gente ha potuto comunicare ugualmente con il resto del mondo), collegamenti poi tolti nuovamente dopo poche ore.

http://picasaweb.google.com/niknayman
http://picasaweb.google.com/BurmaMyanmarGenocide

Significativa e’ la notizia che la famiglia e la moglie del  Generale Than Shwe sono attualmente a Dubai, e alloggiano al “Dubai Burj Al Arab Hotel

Questi sono gli aggiornamenti, per la maggior parte recuperati da vari siti e blog di dissidenti birmani o di studenti. L’ora tra parentesi e’ quella italiana.

5:01 PM (12:31)

Si sta svolgendo una dimostrazione pacifica a Mandalay. Nessun rumore di spari e’ stato riferito.

Nel monastero di Ngwe Kyar Yan, che ha subito un raid 2 giorni fa a Okkalarpa sud, Uangon, sono in corso lavori di riparazione per eliminare le prove del raid.

Un gruppo dedicato di truppe anti-sommossa e stato formato all’interno della Brigata-77, guidato dal Col. Thein Han sotto la supervisione del Ministro Aung Thaung a del Generale Htay Oo’s.

Il ministro dell’agricultura Gen. Maung Oo e dell’informazione Brig. Generale Kyaw San hanno l’incarico speciale di arrestare i monaci di notte.

4:06 PM (11:36)

Il ponte di Pansodan e’ bloccato. Bandoola Road e’ aperta solo fino a Latha. Non appena la gente inizia a raggrupparsi, i soldati puntano le armi, e la folla si disperde, per poi raggruppasi di nuovo. Gambari incontrera’ Lt.Sr.General Maung Aye, il secondo in capo della junta.

4:00 PM (11.30)

L’inviato delle UN Gambari e’ arrivato a Yangon nel pomeriggio, e dovrebbe incontrare la Junta alle 4 PM. Restera’ in Birmania per 2 giorni.

3:55 PM (11.25)

Dimostrazioni pubbliche sono iniziate a Pakkoku in questo momento.

3:48 PM(11.18)

La folla raggiunge le 70,000 persone a China town. La maggior parte sono teenager.

3:22 PM (10:52)

Spari a China town, ma solo in aria, come ordinato.

3:13 PM (10:43)

Confermato da differenti informatori che i soldati e la polizia hanno avuto l’ordine ufficiale di non spare alla folla per oggi (per via della presenza di Gambari)

2:45 PM (10:15)

I soldati stanno bloccando tutti e quattro il ati della Sule Pagoda, il cuore e centro ufficiale di Yangon.

Categorie:Birmania Tag:

Nuovi aggiornamenti dalla Birmania

28 settembre 2007 Nessun commento

In un articolo del Corriere della Sera parla Myint Wai, militare ai tempi della repressione del 1988, e ora rifugiato politico in Tailandia. Racconta di cosa successe a lui, allora caporalmaggiore dell’avazione birmana, e fa una analisi sull’attuale operato dei militari. E’ un articolo molto interessante.

In questo articolo sempre del Corriere della Sera, intitolato Myanmar: crepe nel regime, esercito spaccato. Il numero uno della giunta militare si scontra con il numero due: che vuole incontrare la leader dell’opposizione San Suu Kyi”, il quotidiano parla di crepe nel regime tra il generale Than Shwe, al comando, il suo vice, il generale Maung Aye, e il capo di stato maggiore dell’esercito, che non si trovano piu’ daccordo.

La news pero’ piu’ preoccupante viene dal sito di esuli birmani Mizzima News, ed e’ la seguente :

September 28, 2007 – 5:20 p.m – Truppe aprono il fuoco su piu’ di 10,000 protestanti a Pazuntaung alle 4 p.m (local time) circa.

Ho verificato, e il loro fuso orario e’ +6:30. noi ci troviamo a +2 per via dell’ora legale, quindi le 4pm corrispondono all e nostre 11 :30 di mattina. L’unica correlazione con le notizie italiane che ho trovato e’ “I soldati hanno risposto agli assembramenti con cariche e lancio di lacrimogeni e anche con spari in aria e hanno avviato perquisizioni nelle case attorno alla pagoda di Sule.”

Una nota anche sul numero delle vittime, che attualmente secondo i vari notiziari, si aggira tra le 9 e le 10 persone. Secondo pero’ l’ambasciatore d’Australia nell’ex Birmania, Bob Davis, la realta’ vista da testimoni oculari sarebbe ben diversa. Il numero delle vittime sarebbe “parecchie volte il multiplo di quello affermato dal regime”. Nel 1988, durante una conferenza stampa, quando un giornalista chiese al generale Saw Maung quante fossero le vittime, lui rispose “fifteen” (15). Il giornalista, sopreso dalla riposta, chiese “fifteen or fifty?” (15 o 50?). Il generale rispose “one five, one five” (1 5, 1 5). La realta’ era che furono uccise piu’ di mille persone solo davanti alla City Hall nel solo giorno 8/8/88. Spero non si debba mantere lo stesso paragone.. se 15 = migliaia, 9 potrebbe voler dire centinaia, se non comunque migliaia.

Appena sapro’ qualcosa di piu’ ve lo faro’ sapere.

 

 

Categorie:Birmania Tag:

Brimania e la DISINFORMAZIONE

28 settembre 2007 Nessun commento

Guardatevi questo video (se capite l’inglese)



In pratica, la televisione Birmana, ovviamente sotto il controllo TOTALE della dittatura, il 27 settembre 2007 annuncia che la VOA e la BBC sono dei bugiardi, e sono istigatori e responsabili per le proteste che ci sono attualmente nella Birmania, perche’ avrebbero “fabbricato” le notizie. Peccato le che proteste pro-democrazia siano iniziate da un mese, mentre la televisione le ha menzionate per la prima volta questa settimana. La televiosione Birmana ha anche detto che le organizzazioni che diffondono queste notizie “non sono contente della felicita’, pace e stabilita’ che e’ stata sviluppata dalla nazione [Birmana]”. Ovviamente non hanno detto “Birmana”.

Entrambe le succitate televisioni (BBC e VOA) hanno deciso di trasmettere informazioni in lingua birmana per diverse ore al giorno, cosi’ che la popolazione birmana possa tenersi informata su cosa accade nella loro terra.

Categorie:Birmania Tag:

Birmania

28 settembre 2007 Nessun commento

Free Burma

Anche noi (io e mia moglie) nel nostro piccolo abbiamo deciso di schierarci per la liberta’ a fianco dei monaci buddisti in Birmania. Abbiamo colorato lo sfondo del rosso dei monaci, e cercheremo di aggiornare le informazioni su quanto sta succedendo. Per ora, la situazione e’ tragica. Al momento, ufficialmente, si contano 9 morti, ma un ambasciatore Australiano in Birmania ha comunicato che la realta’ e’ ben piu’ grave di quanto sia trapelato. Il regime ha anche tagliato la connettivita’ internet a tutti gli abitanti con la scusa di un “cavo sottomarino guasto”, ma la realta’ e’ che cosi’ ha impedito la diffusione di notizie e video di quello che sta succedendo all’interno, verso il resto del mondo. C’e’ pero’ qualcuno che con una parabola riesce ancora a trasmettere.

Alcuni video sulla protesta







Video vari dal resto del mondo:




Categorie:varie Tag:

Indulto: Mastella, recidivi scesi

22 settembre 2007 1 commento

Altra bella notizia dall’Ansa:

(ANSA) – NAPOLI, 21 SET – ”Basta alle polemiche strumentali” sull’indulto e alla ”campagna mediatica di rara virulenza e spregiudicatezza” Lo dice Mastella. Secondo il ministro della Giustizia, da un’analisi del Dap, risulta che ”la presenza dei soggetti recidivi in carcere non e’ aumentata, anzi. Se la percentuale di recidivi si assestava al 48% della popolazione carceraria prima dell’indulto, un anno dopo, la presenza di recidivi in carcere e’ pari al 42% del totale.

A parte che si parla di recidivi CHE SONO STATI RIPRESI, non di quelli che effettivamente escono e commettono reati e che la fanno franca, mi chiedo come si faccia a fare un ragionamento del genere. Ci prendono per scemi? Prima dell’indulto il 48% dei carcerati era recidiva… poi ne mettono fuori una valanga, e dopo un anno dicono “oh veh… visto che va meglio? ora solo il 42% sono recidivi…” . Ma un’altra notizia dell’Ansa, precedente, dice:

(ANSA) – NAPOLI, 21 SET – Sono 26.752 i detenuti usciti fino ad oggi dal carcere grazie all’indulto. Di questi, circa il 22% sono finiti di nuovo in cella. Cio’ non significa pero’ – fa notare il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria che in occasione della festa della polizia penitenziaria a Napoli ha reso noto i dati aggiornati al 18 settembre – che il tasso di recidiva sia aumentato dopo l’indulto: il tasso era infatti al 44% prima dell’approvazione dell’atto di clemenza, mentre ora e’ al 42%.

Quindi l’indulto e’ bello e funziona, perche’ e’ tornata meno gente in carcere? Avete beccato il 22% di quelli che avete messo fuori, a commettere nuovi crimini, e quindi la cosa ha funzionato? Sono stati commessi ALMENO 5880 crimini nuovi (piu’ tutti quelli che ancora devono venire scoperti, piu’ quelli che devono ancora venire commessi) derivanti dall’indulto e cio’ dimostra che genialata sia stata? Non riesco a capire… quindi il carcere serve unicamente a fare in modo che la gente non commetta NUOVAMENTE crimini, e non per scontare i reati appena commessi?

Firmato: un italiano sempre piu’ perplesso…

Categorie:varie Tag:

Gioco d’azzardo. Non si stava meglio prima?

22 settembre 2007 1 commento

Quoto:

” (ANSA) – ROMA, 21 SET – Sono saliti a 4.000 e sono in costante aumento i giocatori d’azzardo patologici che si rivolgono ai servizi per le dipendenze. Lo ha reso noto Alfio Lucchini, presidente nazionale della Federserd, la Federazione dei servizi pubblici per le dipendenze, che dal 1980 tratta la malattia, riconosciuta come disagio mentale. Ma quelli che chiedono aiuto, secondo la Federserd, costituiscono appena l’1% dei giocatori patologici esistenti in Italia, che quindi si aggirerebbero sui 400mila.”

Ma io mi chiedo… chi e’ che ha ritenuto necessario cambiare le leggi, e peremttere il gioco d’azzardo in Italia? A parte lo stato stesso, ovviamente, che incamera grossi introiti permettendo di giocare, a patto che i soldi finiscano nelle sue casse (vietando il traffico internet verso i siti di gioco online esteri). A chi altri ha giovato il fatto che le care vecchie sale giochi, dove molti di noi hanno passato la loro infanzia, ora si siano trasformate in “sale giochi d’azzardo”? Eppure si fanno le crociate contro i videogiochi violenti, perche’ le menti dei giovani, a sentire gli “esperti”, possono essere facilmente influenzate, e poi permettiamo il gioco d’azzardo. Bah… sono sempre piu’ schifato…

Categorie:varie Tag:

Lavavetri? Finiti gli incroci tocchera’ alle case?

5 settembre 2007 Nessun commento

Volevo fare i miei complimenti ed esprimere la mia solidarieta’ al sindaco di Firenze.
E’ bello vedere, in una paese dove per poter esprimere un parere prima ti devi schierare a destra o a sinistra, trovare un sindaco che abbia a cuore i suoi cittadini che non si faccia scrupoli se poi il suo partito (anzi meta’) approvi la cosa o no.

Sebbene molti “abusivi” siano simpatici, sono stufo di dover aver paura di finire alla gogna (non dico galera, anche se si rischia di piu’ che spacciare) perche’ magari ho scaricato una canzone senza pagarla, o perche’ in una fattura ho sbagliato un importo di qualche euro, mentre in quella settimana di vacanza annuale che passo in spiaggia devo sorbirmi ogni 10 minuti qualcuno che vuole vendermi a tutti i costi un orologio, un asciugamano, o farmi i massaggi.

Sapete perche’ poi non sopporto i lavavetri in particolare? Un mattina di qualche anno fa andai in un bar nella zona Ausa di Rimini con mia moglie per fare colazione. Mentre bevevo il mio cappuccino, notai un tizio, in giacca e pantaloni di lino bianco, che prendeva il suo “solito” bicchiere di vino rosso. Osservandolo meglio vidi che aveva una andatura claudicante, per un problema alla gamba. Beh… ci misi 10 secondi a realizzare, tanto era impossibile, che quella persona era la stessa che da mesi, vestito da straccione, chiedeva l’elemosina all’incrocio a 300metri dal bar. E IO GLI AVVEVO PURE DATO DEI SOLDI.

So che magari e’ stato un caso sporadico. O forse no. Ma non e’ questo il punto. Stiamo permettendo alle persone che gestiscono i racket vari, di avere anche questo business… e la sinistra vuole pure LEGALIZZARLO!

Ho proprio sbagliato mestiere…

Categorie:varie Tag:

Bad Behavior has blocked 68 access attempts in the last 7 days.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi