Archivio

Archivio per la categoria ‘Hardware’

Google Glasses in azione

20 febbraio 2013 Nessun commento

Goggle ha finalmente pubblicato un video dove mostra i Google Glasses in azione nella vita di tutti i giorni.

Gli occhiali ricevono comandi vocali, ma e’ presente anche un piccolo touchpad. I Glasses Glass permetteranno di scattare foto, registrare video, condividere il tutto, anche live, avere indicazioni stradali, inviare e ricevere messaggi, e chissa che altro si inventeranno prima della commercializzazione.

Intanto godetevi il video…

http://youtu.be/v1uyQZNg2vE

Categorie:Hardware Tag:

24 SSD Samsung per un super computer

10 dicembre 2012 Nessun commento

Spettacolare… peccato che non sia un investimento fattibile dalla maggior parte dei comuni mortali.

Magari calando a 12, o 6, qualcuno potra’ permetterselo…

 

 

Categorie:Hardware Tag:

Ikea UPPLEVA.. se non sono geniali loro…

17 aprile 2012 Nessun commento

 

Oggi la IKEA ha presentato UPPLEVA, un sistema integrato HDTV e non solo, per risolvere i problemi dei salotti moderni.

Se i cavi vi hanno sempre dato fastidio, Ikea UPPLEVA e’ il tocco di genio che aspettavate. Non si sa ancora ne il prezzo, ne la linea di prodotti completa, ma si sa che arrivera’ negli Ikea store di Stockolma, Milano, Parigi, Berlino e Danzica nel Giugno 2012. In autunno arrivera anche  nei negozi di Svezia, Italia, Granca, Polonia, Danimarca, Spagna, Norvegia e Portogallo, e in seguito anche nel resto del mondo nel 2013.

Dal video di YouTube si possono ricavare alcune caratteristiche del HDTV, tra cui uno schermo LCD LED 1080p a 400Hz e una sorta di smart TV (per navigare in internet e altro), lettore BlueRay e casse audio wireless.

L’Ikea sa che i fanatici del audio/video storceranno il naso, ma questo sistema e’ progettato per le masse, perche’ funziona, e non c’e’ nulla da fare se non goderselo.

 

Categorie:Hardware Tag:

Raccolta di notizie su iPhone 4s e iOS 5

5 ottobre 2011 Nessun commento

Come molti gia’ sanno, ieri sera c’e’ stato il KeyNote della Apple, con la presentazione della nuova linea di prodotti Apple, tra cui l’iPhone 4s e il nuovo sistema operativo iOS5.

Probabilmente saprete gia’ tutto, ma la mia intenzione, qui, e’ di raccogliere tutte le info possibili in un unico articolo.

Cominciamo dal iPhone 4s:

Il nuovo melafonino, esternamente, e’ identico al suo predecessore iPhone 4. Ad essere cambiato e’ il suo cuore, il processore, che dal A4 e’ passato al A5, dualcore, lo stesso dell’iPad 2. Questo processore e’ in grado di aumentare la velocita’ del iPhone fino al doppio, e della grafica fino a 7 volte.
Altra novita’ e’ la fotocamera. Il 4s e’ passato da 5 a 8 megapixel, e’ stata aggiunta una quinta lente e aumentata l’apertura del diaframma, per catturare piu’ luce e colori piu’ vivi. Il software e’ in grado di riconoscere il viso delle persone per decidere cosa mettere a fuoco, e dal lato Video e’ in grado di registrare in FullHD (1080p) a 30 frames al secondo con tanto di stabilizzatore di movimento.
Sono poi state inserite non una, ma due antenne indipendenti, gestite automaticamente, per risolvere il problema della ricezione in caso venga impugnato in modo “non corretto” (problema che ha afflitto il 4 fin dal primo giorno).
L’ultima novita’, che e’ piu’ software che hardware, ma funziona solo sul iPhone 4s, e’ Siri. Siri e’ un sistema di comando completamente vocale. E’ difficile da spiegare, ma potrete vedere il video di presentazione piu’ sotto.

Inoltre e’ stata aumentata la velocita’ massima di download in HSDPA, che passa da 7,2Mbps del iPhone 4 a 14,4 Mbps del 4s.

Passiamo invece al software… iOS 5 porta numerose novita’ rispetto al iOS 4, tra le quali:

  • Notifications – con uno swipe verso il basso si apre il notification center, con tutti i messaggi e notificazioni. Lo si puo’ vedere anche dal lock screen, o da una finestrina in alto quando si e’ in un gioco.
  • iMessage – Sistema di messaggeria tra i device iOS (iphone, ipad, ipod)
  • Reminders – Dal nome, e’ una app per gestire le cose da ricordare, che pero’ possono essere “schedulate” anche per eventi tipo “ricordamelo quando esco di casa”
  • Twitter – Twitter e’ integrato nelle apps di iOS… si potranno scattare foto e mandare direttamente su twitter, allgare video da youtbe, locazioni, e quant’altro
  • Subscriptions – gestisce abbonamenti a quotidiani e riviste, scaricandoli in background.
  • Camera – Grandi novita’ per la camera. Primo, si potra’ lanciare la camera direttamente dal lock screen. Si potra’ finalmente usare il tasto VOLUME UP per fare una foto. Si potra bloccare autofocus e esposimetro su un punto della foto tenendo premuto con il dito. Si potranno editare foto direttamente appena scattate, con effetti come crop, rotate, rimozione occhi rossi, enhance.
  • GameCenter – Foto, Archievement points, raccomandazioni di giochi da parte di amici o dello stesso gamecenter
  • Safari – Reader, bottone per riorganizzare le informazioni nella pagina rimuovendo tutta la parte estranea al testo principale della pagina e adattarlo al device. Reading List, si potranno “segnare” pagine “da leggere piu’ tardi” e recuperarle poi dalla Reading List, e tale lista si sincronizza tra i vari devices in possesso. Full tabbed browsing, come nei nostri browser su computer.
  • Mail – sono stati aggiunti formattazioni del testo, ricerche, identazione, indirizzi draggabili, e sull’ipad si puo’ andare alla inbox con uno swipe.
  • PC Free – non servira’ piu’ un computer per poter usare un iphone o ipad. Niente obbligo di collegarlo al primo avvio, e aggiornamenti via rete telefonica

iOS5 sara’ disponibile dal 12 ottobre gratuitamente dai iPhone 3GS in su.

Intanto potete dare una occhiata alla pagina Apple delle Features del 4s

Qui di seguito alcuni video che presentano l’iPhone 4s e le sue features. Almeno i primi due meritano una visione.

http://www.youtube.com/watch?v=SFfm2uQbaLM

iPhone 4s

http://www.youtube.com/watch?v=rNsrl86inpo

Introduzione a Siri

http://www.youtube.com/watch?v=DCjeSNomXrU

Introduzione a iCloud

Categorie:iPhone Tag:

Google+ finalmente come applicazione nativa per Iphone e Android

20 luglio 2011 Nessun commento


Finalmente, con un po di ritardo da parte di Apple, e’ stata approvata la app di Google+. Con oltre 10 milioni di utenti attivi, al momento Google+ è disponibile solo dietro inviti, e permette agli utenti iscritti di condividere contenuti con contatti suddivisi all’interno di Cerchie, in cui è possibile catalogare i propri amici, colleghi, famiglia, ecc.

Fino ad ieri su iPhone l’unico modo di utilizzare G+ era con una web app, come e’ costretta a fare Google con la maggior parte dei suoi prodotti, ma con l’applicazione ufficiale ora è possibile ricevere messaggi di testo istantanei con i propri contatti, verificare lo Stream con gli aggiornamenti dei vostri contatti, aggiungere nuovi utenti alle proprie Cerchie e condividere contenuti, anche geolocalizzati.

Categorie:Internet, iPhone Tag:

Un paio di applicazioni interessanti per iPhone

21 dicembre 2010 2 commenti

Lo so, alla fine ho ceduto, e ho affiancato al mio BlackBerry anche un iPhone 4. O meglio , sto aspettando che la Apple si decida a consegnare questi benedetti telefoni alle compagnie telefoniche (aspetto da 1 mese e mezzo), ma per ora non ha fatto altro che saltare le consegne.

Comunque, ho individuato un paio di applicazioni che sicuramente faranno parte del “parco apps” installate sul mio futuro iPhone. Si tratta di apps utili soprattutto se si e’ in viaggio all’estero.

La prima si chiama Word Lens. Si tratta di una apps che utilizza un OCR e la realta’ aumentata per fornire traduzioni in tempo reale (anche senza connessione a internet) di tutto quello che passa nella fotocamera del vostro melafonino. Al momento funziona solo con inglese e spagnolo.

Come potete vedere, il risultato e’ molto pulito, perche’ vengono sostituite solo le scritte, e vengono lasciati intatti disegni e logo.
Speriamo aggiungano almeno il giapponese…

La seconda applicazione e’ Google Googles (era gia’ disponibile per Android).
Questo programma, in pratica, utilizza la fotocamera e il motore di ricerca di Goggle per trovare informazioni riguardanti il soggetto della foto.
Per capire meglio, guardate questo video

Categorie:iPhone, Tecnologia Tag:

Un Hack del Kinect ed ecco il primo pupazzo virtuale

19 novembre 2010 Nessun commento

Come sapete, il giorno stesso dell’uscita del Kinect, un hacker attraverso il reverse-engineering, ha reso disponibili dei drivers per collegare la periferica ad un comune pc, e successivamente anche ai mac.

Bene, Emily Gobeille e Theo Watson, utilizzando un Kinect collegato ad un lapton con i drivers libfreenect e ofxKinect (l’open framework), ha creato in un giorno il primo pupazzo virtuale comandato dal movimento delle mani.

Categorie:Hardware, Software, Tecnologia Tag:

BlackBerry PlayBook

28 settembre 2010 Nessun commento

Il nuovo PlayBook, il tablet di BlackBerry,nato per il business, sembra molto interessante.

http://www.youtube.com/watch?v=eAaez_4m9mQ

PMI.IT dice:

Dal punto di vista hardware PlayBook è dotato di CPU dual-core a 1GHz e schermo da 7 pollici multitouch con risoluzione 1024 x 600 pixel. Il tablet include inoltre due fotocamere per la realizzazione di video e per le videoconferenze, in grado di registrare materiale in HD, oltre ad una porta HDMI per presentare le proprie creazioni all’interno di un display esterno. Il dispositivo si affida alla connettività Wi-fi e Bluetooth ed offre connettori microHDMI e microUSB. In un prossimo futuro il gruppo prevede il rilascio di versioni dotate di connettività 3G e 4G.

Il sistema operativo adottato è il nuovo BlackBerry Tablet OS, il cui cuore operativo, basato sull’architettura QNX Neutrino, si presenta altamente affidabile, flessibile e sicuro, con avanzate caratteristiche multimediali e un vero multitasking. Il nuovo OS offre inoltre una avanzata piattaforma di sviluppo indirizzata agli sviluppatori e ai dipartimenti IT, oltre al pieno supporto di tecnologie quali Adobe Flash, Adobe Mobile AIR, HTML5, Open GL e Java.

Categorie:BlackBerry Tag:

Reflown casalingo, ovvero come unire cucina e informatica per riparare schede guaste

14 settembre 2010 7 commenti

Premetto, quello di cui sto per scrivere non e’ la panacea di tutti i mali. Funziona, e l’ho provato io stesso, ma non lo fa sempre, e non per tutti i guasti. E soprattutto, una buona attrezzatura, il non avere fretta, e un pizzico di fortuna, aumentano la possibilita’ di riuscita.

Cosa e’ il Reflow (o “rifusione”)? E’ un metodo di saldatura per il quale viene utilizzato del calore controllato (per mezzo di forni speciali, lampade a infrarossi, o saldatori ad aria) per effettuare saldature su circuiti dove non e’ possibile utilizzare un normale saldatore (ad esempio nei circuiti “surface mounted” dove i componenti sono troppo piccoli) o perche’ si rischia di danneggiare i componenti con il calore eccessivo.

Questa tecnica puo’ essere utilizzata anche a casa, con risultati spesso incredibili, per riparare circuiti di computer.

Per comprendere questo, bisogna avere chiaro il PERCHE’ alcune schede si “rompono”.
In realta’, i casi in cui sono i componenti delle schede a rompersi, sono abbastanza rari. Capita di poterli vedere anche a occhio nudo, Come condensatori “gonfi” che causano instabilita’ del sistema, chip “scoppiati”, e via dicendo. Spesso invece capita che si creino delle micro fratture nelle saldature tra i componendi e la scheda su cui sono montati. Vuoi per la temperatura a cui sono soggette tali schede durante l’uso (espansione termica), vuoi per sollecitazioni manuali (montaggi, urti, ecc.), alcuni componenti non hanno piu’ un contatto elettrico con le piste dei circuiti, causando instabilita’, artefatti nel caso delle schede video, addirittura la non “partenza” come nelle schede madri.

La tecnica del Reflow permette di sciogliere gli acidi usati nelle saldature al momento della fabbricazione, che portano alla rifusione dello stagno (non e’ la temperatura diretta in ser se grazie alla temperatura diretta, perche’ lo stagno fonde a 232 gradi), e al ripristino del contatto elettrico difettoso.

Di seguito vi racconto cosa ho fatto e cosa ho sbagliato, nel caso della XFX. Il mio e’ solo un modo di condividere la mia esperienza, e non mi assumo responsabilita’ se qualcuno di voi vorra’ tentare di fare la stessa cosa a casa sua.

Passiamo alla pratica.

Ho testato il sistema con 3 schede video e una scheda madre.

1 – TwinTech 8800GTX (che presentava artefatti a video)

2 – POW 8800GTX (completamente morta)

3 – XFX 9800 GX2 (compeltamente morta)

4 – Asus M2N32-SLI Deluxe (instabile, non riusciva nemmeno a terminare un boot)

E posso dire di aver ottenuto ottimi risultati, a parte in un caso.

Qui di seguito ho documentato il procedimento:

Prosegui la lettura…

Categorie:Hardware, Tecnologia Tag:

Provato Kinect in anteprima nazionale

6 settembre 2010 Nessun commento

Sabato 4 settembre 2010 ho avuto la possibilita’ di provare Microsoft Kinect all’Aquafan di riccione, in anteprima nazionale (in commercio uscira’ in novembre).

Il filmato non e’ un gran che’, avevo solo il cellulare con me, e ovviamente non mi sono potuto filmare da solo.

Quello che posso dire e’ che sono rimasto piacevolmente sopreso. L’unico difetto e’ il ritardo tra il movimento e il riconoscimento da parte della periferica, di circa mezzo secondo o poco piu’. Puo’ sembrare poco, ma per chi gioca, puo’ , anzi fa, la differenza. Non sempre si riesce ad anticipare il gesto, o il salto, o quello che serve, del tempo necessario perche’ venga eseguito nel momento giusto. Mi e’ stato pero’ assicurato che la versione di Kinect che ho provato era una Debug, e chi ha provato la versione Beta assicura che la risposta della periferica e’ piu’ veloce.

Ho provato un paio di giochi, uno di guida e uno di zattere sul fiume. Giochi acerbi, ma comunque divertenti. Il gioco di guida si usava tenendo le mani come su un volante, e usando anche il corpo per effettuare i drifting (inclinandosi), usare il turbo (tirando il “volante” verso il petto e poi spingendolo in avanti) e i giri della morte in volo (inclinandosi indietro con il volante al petto).

Il gioco di rafting invece richiedeva spostamenti laterali e inclinazioni del corpo per dirigere il gommone, e salti per aumentare l’altezza dopo le rampe e raggiungere i bonus. Alzando le mani durante un salto si aumentava l’altezza dello stesso.

Direi che la periferica funziona, quello che serve ora sono i giochi che la sfruttino a dovere. Resteremo a vedere cosa ci portera’ Babbo Natale.

Categorie:Giochi, Hardware, Tecnologia Tag:

Bad Behavior has blocked 111 access attempts in the last 7 days.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi